Nell’esercizio 2012/13 Alstom ha registrato ordini per 23,8 miliardi di euro, in aumento del 10% rispetto allo scorso esercizio. Come già annunciato, il quarto trimestre, con 6,6 miliardi di euro di nuovi contratti, è stato particolarmente significativo;

07/05/2013

Nell’esercizio 2012/13 Alstom ha registrato ordini per 23,8 miliardi di euro, in aumento del 10% rispetto allo scorso esercizio. Come già annunciato, il quarto trimestre, con 6,6 miliardi di euro di nuovi contratti, è stato particolarmente significativo; il rapporto tra gli ordini ricevuti e il fatturato è superiore a 1 per il 10° trimestre consecutivo. Il fatturato, a quota 20,3 miliardi di euro, ha registrato una progressione del 2% rispetto all’esercizio precedente. L’utile operativo è stato pari a 1.463 milioni di euro, corrispondente a un margine operativo del 7,2%, in aumento di 10 punti base rispetto allo stesso periodo dello scorso esercizio. L’utile netto è aumentato del 10%, passando da 732 milioni di euro nel 2011/12 a 802 milioni di euro. Il free cash-flow è tornato a essere positivo ed è stato pari a 408 milioni di euro per l’esercizio 2012/13.

Durante la prossima Assemblea Generale, Alstom proporrà un dividendo pari a 0,84 euro per azione, in aumento del 5% rispetto al dividendo riconosciuto nell’esercizio precedente. 

«Nel 2012/13 il Gruppo ha realizzato una solida performance commerciale, confermata da ordini superiori al fatturato per ciascun trimestre dell’esercizio. Il fatturato ha registrato una ripresa nonostante le entrate più contenute su alcuni grandi contratti in corso di esecuzione per Renewable Power e nonostante i ritardi imputabili ai clienti in alcuni progetti di Grid. Il margine operativo è in aumento rispetto all’esercizio precedente grazie, in particolare, a una buona esecuzione dei contratti e all’ottimizzazione dei costi. Il free cash flow è tornato a essere nettamente positivo dopo due anni di dati negativi. Le nostre prospettive sul lungo termine rimangono solide, sostenute da fondamentali allettanti su tutti i nostri mercati finali. La performance a breve termine dovrebbe, invece, subire l’impatto dei volumi di vendita più bassi rispetto a quanto anticipato, a causa di un ambiente concorrenziale più difficile. In tale contesto, prevediamo ora una crescita organica annuale del fatturato a una sola cifra, un margine operativo stabile nel 2013/14 che migliorerà progressivamente per raggiungere circa l’8% nei prossimi due-tre anni. La generazione di cash rimane una priorità fondamentale e continuiamo a prevedere un free cash flow positivo per ognuno dei prossimi anni”, ha dichiarato Patrick Kron, Presidente e Amministratore Delegato di Alstom.

Comunicato stampa