Il Consiglio di Amministrazione di Alstom si esprime a favore dell’offerta di General Electric

23/06/2014

Il Consiglio di Amministrazione di Alstom ha ricevuto, il 20 giugno 2014, un aggiornamento dell’offerta da parte di General Electric (GE) per l’acquisizione delle attività nei settori Power e Grid di Alstom. Il CdA ha ricevuto il 20 giugno 2014 anche una proposta rivista da parte di Siemens e Mitsubishi Heavy Industries.
Il Comitato Indipendente nominato dal Consiglio di Amministrazione il 29 aprile 2014 e guidato da Jean-Martin Folz, ha esaminato meticolosamente, in più occasioni, le transazioni proposte. Sulla base del lavoro svolto dal Comitato e dai consulenti finanziari e legali, il Consiglio di Amministrazione ha deciso all’unanimità di esprimersi positivamente sull’offerta di GE.
Gli Amministratori di Alstom hanno espresso la loro soddisfazione sul fatto che gli scambi produttivi intercorsi con lo Stato francese si siano conclusi con una proposta che non solo soddisfa gli interessi di Alstom e dei suoi stakeholders, ma che fornisce anche assicurazioni rispetto alle preoccupazioni espresse dallo Stato francese.

OFFERTA GENERAL ELECTRIC
GE acquisirebbe, come annunciato in precedenza, i settori Thermal Power, Renewable Power e Grid, nonché Corporate e  Shared Services (la Transazione Energia) per un prezzo fisso e invariato che rappresenta un Equity Value di € 12,35Mld e di un Enterprise Value di € 11,4Mld.
In base ai termini dell'offerta aggiornata, dopo il completamento della Transazione Energia, Alstom e GE creerebbero una joint venture nel Grid e nel Renewable Power.
Nel Grid, ogni società deterrebbe una partecipazione del 50% in un business globale che combini Alstom Grid e GE Digital Energy. Nelle Rinnovabili, ogni società dovrebbe detenere una quota del 50% nelle attività Wind off-shore e Hydro di Alstom.
Inoltre, Alstom e GE creerebbero un'alleanza 50/50 nelle attività nucleari nel mondo e a vapore in Francia, e includerebbe la produzione e la manutenzione degli equipaggiamenti della turbina a vapore "Arabelle"  per le centrali nucleari, così come gli equipaggiamenti e la manutenzione delle turbine a vapore di Alstom per il mercato francese. In aggiunta, lo Stato francese avrebbe delle azioni privilegiate, che gli darebbe il potere di  veto e altri diritti di governance sulle questioni relative alla sicurezza e alla tecnologia delle centrali nucleari  in Francia.
L'investimento da parte di  Alstom in queste alleanze correlate all'energia sarebbe pari a circa € 2,5Mld,  assumendo che queste aziende non abbiano debiti né liquidità. I termini di queste alleanze prevedono i dovuti accordi con gli azionisti con i comuni diritti di governance e di liquidità.
Infine, GE propone la creazione di un'alleanza globale in cui GE venderebbe ad Alstom il 100% della sua attività di segnalamento, con un fatturato di circa US $ 500m nel 2013 e 1.200 dipendenti, e le aziende  firmerebbero accordi di collaborazione multipli, compreso un contratto di manutenzione per le  locomotive GE al di fuori degli Stati Uniti, R&S, supporto nelle attività  di approvvigionamento, nella produzione e nell’attività commerciale negli Stati Uniti.
Il Comitato indipendente creato ad hoc, ha esaminato l'operazione proposta da GE con l'assistenza dei propri consulenti finanziari e legali. L'esperto finanziario nominato per fornire consulenza al Consiglio ha concluso che il corrispettivo offerto da GE ad Alstom è adeguato da un punto di vista finanziario.
Il consulente legale nominato per fornire consulenza al Consiglio ha concluso che l'offerta di GE appare, da un punto di vista legale, favorevole alla società, in particolare alla luce del fatto che prevede un prezzo di acquisto fisso e finale, non richiede garanzie e, con gli aggiornamenti proposti da GE, risponde adeguatamente alle preoccupazioni dello Stato francese. Il Consiglio, preso atto all'unanimità dei meriti strategici e industriali di questa offerta, ha deciso di esprimersi favorevolmente, autorizzando Patrick Kron, nel suo ruolo di presidente e amministratore delegato di Alstom, ad impegnarsi nella prossima fase del processo, che prevede l'informazione e la consultazione degli organi di rappresentanza dei lavoratori del Gruppo Alstom.

PROPOSTA SIEMENS MITSUBISHI HEAVY INDUSTRIES
Inoltre, il Consiglio di Amministrazione, con il supporto del Comitato indipendente e i suoi consulenti finanziari e  legali, hanno rivisto la proposta ricevuta da Siemens e Mitsubishi Heavy Industries, presentata il 16 giugno 2014 e la sua offerta migliorativa ricevuta il 20 giugno 2014. Secondo i termini della proposta migliorativa, Siemens avrebbe acquisito il business del gas di Alstom per un corrispettivo netto pari a € 4,3 miliardi, € 400 milioni in più rispetto alla proposta iniziale. MHI avrebbe acquistato una quota di partecipazione del 40% nei business vapore, idroelettrico e grid attraverso un’unica società holding, per un corrispettivo pari a € 3,9 miliardi. Inoltre, Siemens avrebbe offerto di entrare in una joint venture paritetica (50/50) con Alstom per le attività di segnalamento e infrastrutture. A seguito del riesame, il Consiglio ha stabilito all'unanimità che questa proposta non copre adeguatamente gli interessi di Alstom e dei suoi stakeholders.

PROSSIME TAPPE
Il completamento della transazione con GE sarà soggetto alla consultazione con gli organi di rappresentanza dei lavoratori e con quelli relativi al controllo delle concentrazioni e degli altri vincoli regolamentari, inclusa l’autorizzazione agli investimenti esteri in Francia. In conformità con il codice AFEP-MEDEF, l'approvazione finale della transazione sarà sottoposta agli azionisti.
Se quest’offerta fosse approvata e completata, Alstom si rifocalizzerebbe sulle sue attività di Transport detenute al 100% e sulle sue alleanze con GE nell’energia. Alstom utilizzerebbe i proventi derivanti da tale operazione per rafforzare il business dei trasporti,  investire nelle sue alleanze nell’energia, rimborsare i suoi debiti e distribuire liquidità ai suoi azionisti.
Patrick Kron, presidente e amministratore delegato di Alstom, ha commentato: "La combinazione delle attività di Alstom e GE nel campo dell’energia, molto complementari, creerebbe un'entità più forte, posizionata in modo migliore per servire i clienti a livello globale e investire in persone e tecnologia nel lungo periodo. Alstom sarebbe associata a questa combinazione ambiziosa attraverso le alleanze nell’energia. Alstom Transport, un leader solido con un ampio portafoglio di tecnologie e una presenza mondiale in un mercato dinamico, sarebbe rafforzato ulteriormente attraverso l'acquisizione delle attività di GE nel business del segnalamento e un'alleanza nel settore ferroviario di vasta portata con GE."

For General Media request

Virginie Hourdin / Claire Biau
Tel. +33 1 41 49 21 36 / 39 95
virginie.hourdin-bremond@chq.alstom.com 
claire.biau@alstom.com  

Publicis
Robert Amady +33672630891

Investors relations

Delphine Brault / Anouch Mkhitarian
Tel +33 1 41 49 26 42/25 13
delphine.brault@chq.alstom.com 
anouch.mkhitarian@chq.alstom.com